I preparativi per il tuo matrimonio procedono con lentezza. Gli impegni di lavoro, la gestione della casa, la cura della famiglia occupano già quasi tutto il tuo tempo e stai dedicando all’organizzazione delle tue nozze ogni minuto libero, sottraendolo a quello che dovresti dedicare a te, alla tua vita di coppia, agli amici, allo svago.

Piano piano il pensiero dell’organizzazione si insinua dappertutto, fagocita ogni briciola di relax, riempie tutti gli interstizi della tua vita, si impossessa di ogni tuo respiro.

Dopo poco ti trovi a boccheggiare, ad arrancare, senti la stanchezza che ti assale e vorresti che qualcuno risolvesse per te i piccoli e grandi problemi che si presentano ad ogni passo e ti sollevi dalle mille decisioni che devi prendere.

L’arte di delegare, però è sottile e sublime. Richiede coraggio, assoluta fiducia, un pizzico di incoscienza.

Sai che nessuno potrebbe fare le stesse cose come le avresti fatte tu. E temi di perdere il controllo. Vuoi mantenere sempre una visione complessiva della situazione eppure senti il bisogno di affidarti a qualcuno.

Ecco quindi che oggi voglio aiutarti a fare un po’ di chiarezza. Perché non è vero che tutto si può delegare. E lo dico anche contro il mio interesse. Sì, sarebbe bello se potessi dirti che me la vedo io per tutto e che tu devi solo presentarti il giorno del tuo matrimonio all’orario indicato.

Ma non è così. Il matrimonio senza di te non può esistere e il tuo intervento è fondamentale anche nella fase di organizzazione.

Non sempre però. Ci sono alcune cose che PUOI effettivamente delegare. Ecco quali.

Cosa puoi delegare per il tuo matrimonio

  1. Ricerca location: a che serve girare come una trottola? Non sarebbe meglio visitare solo  2-3 location preselezionate che sono perfette per te?
  2. Ricerca fornitori: idem, che senso ha chiedere mille preventivi in giro? Puoi incontrare solo il fiorista più talentuoso o il fotografo più in gamba, sapendo già che sono i professionisti giusti per te.
  3. Studio stilistico: tu puoi dare le linee guida, ma puoi far sì che poi sia qualcuno di tua fiducia a occuparsi di svilupparle in un progetto.
  4. Burocrazia: molte delle fasi della procedura burocratica per il matrimonio possono essere delegate, lo sapevi?
  5. Sopralluoghi con i fornitori: una volta che il progetto è chiaro e definito puoi fare in modo che qualcun altro si occupi di andare e venire tra le location e i fornitori per controllare tutti i dettagli
  6. Informazioni per gli ospiti: come si arriva? Come ci si veste? Che regalo è meglio fare? Avete fatto la lista nozze? Dove si può parcheggiare? C’è un microonde per scaldare il latte al bambino? Ecc… Rispondere a tutte queste domande ti ruba l’energia, fai rispondere a qualcun altro!

È solo qualche esempio, ma spero di aver reso l’idea. Queste sono tutte parti noiose dei preparativi, che ti fanno affogare nelle mille incombenze e possono essere facilmente “girate” ad altri.

Cosa DEVI delegare al tuo matrimonio

C’è poi una cosa che assolutamente devi delegare, pena il fallimento totale del tuo progetto. Il coordinamento di quel giorno.

Non puoi occupartene tu! O meglio, puoi, ma lo scotto da pagare è altissimo! Significa rinunciare a goderti il tuo matrimonio per correre dietro a ritardi, imprevisti, cambiamenti dell’ultimo minuto, problemi che vengono fuori all’ultimo.

O sei la sposa, o sei la coordinatrice. Le due cose insieme non sono fattibili. Per questo secondo me il servizio di coordinamento è il primo che devi prenotare.

Cosa NON puoi delegare al tuo matrimonio

Veniamo adesso alle cose che non si possono delegare.

  1. La scelta dell’abito da sposa. Sarebbe molto comodo, ma inevitabilmente alle prove devi andarci tu, perché deve stare bene a te.
  2. La scelta degli accessori. Idem con patate. Nessuno può provarsi le scarpe al posto tuo. Per non parlare dell’intimo.
  3. Le prove trucco e parrucco. Diretta conseguenza dei punti precedenti. È necessario che ci sia tu sotto le mani sapienti del parrucchiere e dell’estetista.
  4. Altre cose da provare. La fede deve stare bene sulla tua mano, tanto per dirne una. Ci sono delle cose che vanno viste su di te e vicino a te. Delegarle sarebbe solo fonte di stress.
  5. L’ultima decisione su tutto. Ora magari tu hai l’idea che la wedding planner decida al posto tuo. Invece non è così (purtroppo o per fortuna, decidi tu), l’ultima decisione spetta sempre a TE, nonostante tutto l’aiuto professionale del mondo.

Cosa NON DEVI delegare per il tuo matrimonio

E ovviamente ci sono delle cose che non devi delegare. Quegli aspetti che ti rendono più felice. Se passare una giornata a ricamare a punto croce i sacchettini per i tuoi confetti ti fa stare bene, ti rilassa, ti fa sorridere, DEVI farlo tu.

Se andare con il tuo amore nel negozio della lista nozze e immaginare ogni oggetto nel contesto della tua casetta ti fa battere il cuore, non rinunciarci!

È il tuo matrimonio, sono i tuoi preparativi. Delega quello che ti pesa e che ti mette ansia, organizza con cura quello che devi fare per forza tu e divertiti per tutto il resto.

A chi devi delegare?

Il tasto dolente è ovviamente questo. Perché ci sarebbero mille persone che ti hanno detto la fatidica frase “se hai bisogno di aiuto fammi sapere”. Ma non affideresti loro neanche l’organizzazione della pizza del sabato sera, figuriamoci il tuo matrimonio.

La mamma si è sposata una vita fa, non sa niente delle nuove tendenze, di tutte le cose che improvvisamente sono diventate imprescindibili in un matrimonio. E poi ha troppa paura di cosa diranno le persone e ha un gusto così… classico!

La tua migliore amica è adorabile, ma è una gran pasticciona. Inoltre non sei sicura che la pensi come te, avete gusti diversi sulla maggior parte delle cose. C’è anche da considerare quel sospetto terribile, qualche volta ti è sembrata un po’ invidiosa, un po’ seccata nel sentirti parlare del tuo matrimonio. Sicuramente è stata solo una tua impressione, ma se cercasse di sabotarti? Anche solo inconsciamente?

Lo sposo… dai non scherziamo. Sembra uno di quei terribili reality in cui lui organizza il matrimonio senza che la sposa ne sappia niente, e si concludono sempre con eventi di cattivo gusto e scelte del tutto illogiche. È l’amore della tua vita, ma organizzare matrimoni non  decisamente il suo mestiere.

E poi… beh, poi ci sono io. Ancora non ci conosciamo, ma sai come la penso su tante cose leggendo il mio blog e sai che organizzare matrimoni è proprio il mio mestiere. Che ne dici? È un’idea da prendere in considerazione?

Come dici? I costi? Ti preoccupa l’investimento?

Beh, per fortuna la risposta a questa domanda è molto semplice: scarica il listino per conoscere i prezzi dei miei servizi e poi possiamo prendere un appuntamento senza impegno per parlare di cosa puoi e vuoi delegarmi per il tuo matrimonio.

A presto!

♥♥♥ Claudia

[la tua amichevole wedding planner di quartiere]