Hai sempre sognato di sposarti in un luogo suggestivo, per esempio in riva al mare o in un meraviglioso giardino. Quando guardi i matrimoni nei film o telefilm americani ti vengono gli occhi a forma di cuore e non puoi fare a meno di sospirare. Finalmente è arrivato il tuo momento e il tuo sogno di una cerimonia all’americana può diventare realtà…

MA ti sei accorta che non è per niente facile e rapidamente tutte le tue certezze hanno iniziato a sgretolarsi.

Niente paura, è perfettamente normale e tante spose prima di te hanno dovuto affrontare questo scoglio. Per aiutarti ho scritto questo articolo in cui ti darò i giusti strumenti di valutazione, per rendere il tuo progetto concreto e realizzabile. Se sarai abbastanza furba da seguirmi, al termine della lettura di questo articolo avrai le idee molto più chiare e molte più frecce al tuo arco per conquistare il matrimonio dei tuoi sogni.

Cosa si intende per matrimonio all’americana?

Partiamo dall’inizio. Il matrimonio all’americana è il sogno di molte coppie, ma pochissimi sanno di cosa si tratta veramente. La televisione, il cinema, le riviste di settore e i siti stranieri dedicati al matrimonio sono pieni di romantiche suggestioni su questo tipo di celebrazione, che ha però delle regole ben precise.  Un po’ di chiarezza su quest’ambito è indispensabile, soprattutto se si considera che i primi a non essere esperti della materia sono gli operatori del settore.

In Italia la maggior parte dei matrimoni si svolge con il rito cattolico o con il rito civile.

Il rito cattolico ha delle pecche notevoli.

Il matrimonio cattolico è quello tradizionale, è adatto a chi ha una profonda fede e vive la chiesa con frequenza e ha il vantaggio di accontentare le famiglie. I pro però si fermano qui, perché:

  1. La maggior parte delle persone (compresi probabilmente molti dei tuoi invitati) lo considera troppo noioso, lungo e pesante
  2. Potresti non sentirlo affine a te, per ragioni di onestà e coerenza (se non sei particolarmente credente, non sei praticante o comunque non ti senti a tuo agio in chiesa)
  3. Il livello di personalizzazione che permette è praticamente irrilevante (puoi scegliere le letture e le musiche, con grosse restrizioni, e nient’altro)
  4. Prevede poca partecipazione (molti invitati non si presentano, oppure aspettano fuori dalla chiesa)
  5. Non è adatto a tutti (per esempio i divorziati non possono sposarsi in chiesa)
  6. Si può svolgere SOLO in una chiesa parrocchiale (salvo pochissimi casi e previa autorizzazione speciale del Vescovo per comprovati motivi)

Se vuoi un matrimonio all’americana, non puoi avere anche il matrimonio cattolico. Questo può non farti piacere, può scandalizzare i tuoi familiari, ma è una verità di cui DEVI tenere conto.

La cerimonia civile consente un minimo di personalizzazione in più, rispetto a quella cattolica, ma in generale non è possibile costruire integralmente il rito sugli sposi.

Il rito civile ha questi importanti difetti.

  1. Non puoi eliminare tutta la parte più noiosa e burocratica del rito.
  2. È un rito breve, impersonale e di solito squallido.
  3. Avviene normalmente in uffici pubblici molto spogli e poco accoglienti (salvo alcune eccezioni di cui ti parlerò dopo)
  4. Viene percepito come matrimonio di serie B, perché è associato culturalmente ad una coppia che non può sposarsi in chiesa perché ha agito contro la morale cattolica comune.
  5. Viene di solito celebrato da un funzionario comunale che non è un celebrante (anche qui ci sono delle eccezioni, le vediamo dopo)
  6. Deve sottostare ad una serie di regole dettate dal Comune (orari, costi, tempistiche ecc)

Lo so, è un brutto colpo e ho già distrutto un po’ delle tue certezze. Ma era indispensabile per poterti dare informazioni CORRETTE sul matrimonio all’americana.

Non strapparti i capelli perché il tuo parroco ha rifiutato di venire a celebrare il matrimonio sulla spiaggia o perché il sindaco ha detto che non può portare i registri comunali in mezzo al bosco; stanno facendo il loro lavoro e si stanno attenendo alle leggi e alle direttive che hanno ricevuto. Inoltre, i capelli ti servono per l’acconciatura che dovrà renderti bellissima nel tuo grande giorno! 🙂

Opzioni per il matrimonio all’americana

Puoi scegliere per il matrimonio civile una location autorizzata. Ce ne sono alcune veramente belle in Italia. Questo risolve il problema del luogo, anche se non risolve tutti gli altri. Anzi, il contrasto tra un luogo bello e romantico e una cerimonia sbrigativa e fredda, se vogliamo, è ancora più sgradevole. Ma è comunque una possibilità.

In alcuni comuni è possibile richiedere la delega e far celebrare il matrimonio ad una persona di fiducia (per esempio una celebrante professionista che possa condurre la cerimonia in modo coinvolgente). È inoltre possibile usare un testo personalizzato (fatta salva ovviamente la parte strettamente burocratica) e “riscaldare” il rito civile.

Se invece la location che hai scelto non ha le autorizzazioni per il matrimonio civile, oppure se il sindaco non è disponibile a farti usare un testo personalizzato o a concedere la delega, le opzioni rimaste sono unicamente due:

-celebrare un matrimonio civile all’estero

-celebrare una cosiddetta cerimonia simbolica in Italia

Il matrimonio all’estero richiederebbe un discorso a sè, oggi vorrei concentrarmi sulle cerimonie simboliche. Il termine è il peggiore che sia stato mai coniato nel campo del matrimonio.

La parola “simbolico” è fuorviante: fa pensare a un matrimonio non vero. Errore, il matrimonio simbolico è vero, verissimo!

Che cosa c’è di più vero, infatti, che scambiarsi delle promesse così importanti davanti a dei testimoni e a tutte le persone care? Del resto non è per questo che hai deciso di sposarti? Per dire quelle parole magiche che rappresentano il vostro progetto di vita insieme? Non è per sentire quelle parole che i tuoi invitati si sono riuniti? Non è proprio l’inizio della vostra vita insieme ciò che si festeggia?

Qualcuno (e in genere sono i parenti più tradizionalisti o gli amici più invidiosi) potrebbe ribattere che il matrimonio simbolico non ha valore legale. Anche qui c’è un errore, volontario. Il fatto che durante lo svolgimento della cerimonia non sia presente un momento in cui burocraticamente l’unione viene certificata, non significa che il matrimonio non abbia valore legale.

Qui devi essere brava tu, devi dare ai tuoi familiari una corretta definizione della cerimonia che hai scelto, per non alimentare dubbi e creare frustrazione.

Definizione: Il matrimonio simbolico è quella cerimonia nuziale in cui l’aspetto cerimoniale e quello burocratico sono separati e avvengono in luoghi e tempi diversi.

Lo stesso discorso potrebbe essere fatto per l’aspetto religioso. La consacrazione degli sposi potrebbe avvenire semplicemente in un altro luogo e tempo, magari in un contesto più privato. L’unico corollario a questa definizione riguarda il matrimonio tra sposi dello stesso sesso. In questo caso in Italia si può abbinare il rito ad un’unione civile ma non (ancora) al matrimonio cattolico. La differenza è sottile, ma c’è.

I contro di una cerimonia simbolica o all’americana

Se dovessimo analizzare pro e contro della scelta di una cerimonia simbolica dovremmo occuparci di un unico contro:

-devi far entrare la corretta definizione del matrimonio simbolico nella testa di amici e parenti diffidenti.

I pro di una cerimonia simbolica o all’americana

A controbilanciare  ci sono molti pro. Perché puoi:

-scegliere il luogo dei tuoi sogni per ambientare la cerimonia, che si tratti di una spiaggia, di un bosco, di un giardino, della cima della montagna o del fondale marino non ci sono limiti alla scelta della giusta location. Questa cerimonia spesso avviene in contesti naturali, ma è possibile anche realizzarla in luoghi chiusi, come casa tua, una villa, un castello, un elegante hotel, un vecchio granaio.

-ideare nei minimi dettagli l’allestimento, in modo da creare una perfetta scenografia che rispecchi il tuo gusto e il tuo carattere. Puoi replicare visivamente i matrimoni di cinema o tv che più ti hanno fatto sognare, oppure, meglio ancora, realizzare un contesto personalizzato e originale.

-scegliere qualsiasi tipo di scaletta musicale per dare atmosfera e ritmo alla cerimonia.

-personalizzare nei dettagli i testi e le fasi della cerimonia, i gesti simbolici e le promesse.

-ridurre le distanze. La cerimonia simbolica può essere organizzata nello stesso luogo dove avverrà il ricevimento, con conseguenti benefici relativamente costi e tempistiche e un minore impatto ambientale (e i tuoi invitati saranno più contenti).

-scegliere la persona o le persone che celebreranno la cerimonia.

Il celebrante per il matrimonio all’americana

Per quanto riguarda quest’ultimo punto è doverosa una precisazione.

Se è vero infatti che chiunque può celebrare un rito simbolico è altrettanto vero che questa persona:
  1. avrà su di sé gli occhi di tutti,
  2. dovrà far sì che tutto si svolga nei tempi e nei modi previsti
  3. non dovrà lasciarsi prendere dall’ansia e dall’emozione
  4. dovrà dare l’atmosfera ufficiale al contesto per far risaltare il significato di ciò che sta avvenendo.
  5. dovrà essere in grado di reagire agli imprevisti e di far funzionare la cerimonia al meglio

Il consiglio è quindi sempre quello di rivolgerti ad una celebrante professionista, che sia una persona competente e che allo stesso tempo ti piaccia e sia degna della tua fiducia.

Del resto un po’ per tutta l’organizzazione della cerimonia simbolica sarebbe opportuno richiedere un aiuto professionale. Proprio l’alta possibilità di personalizzazione rende infatti questo tipo di matrimonio molto delicato. Occorre vigilare su tutto ed evitare cadute di stile perché sia un vero successo e impedisca ai famosi amici e parenti diffidenti di trovare difetti o esprimere critiche.

Infatti il principale difetto della cerimonia americana è che non puoi usarla in un contesto italiano così com’è.

Le nostre famiglie italiane sono diffidenti, polemiche, prevenute nei confronti delle novità.

Ecco perché è necessario trovare la chiave giusta per coinvolgerle, emozionarle e far vivere a tutti (sposi e invitati) un’esperienza meravigliosa e indimenticabile.

Come probabilmente sai, io sono una celebrante professionista, oltre che una wedding planner specializzata in matrimoni civili e simbolici. Forse quello che non sai è che ho elaborato (in 9 anni di attività e centinaia di cerimonia celebrate e scritte) un metodo dedicato alle cerimonie civili e simboliche.

Si chiama Cerimonia VIP, acronimo di vera, italiana e personalizzata.

Il primo metodo per la creazione di cerimonie per italiani.

Si tratta di un metodo immersivo, in cui svolgo con gli sposi un percorso che ci permette di creare insieme la cerimonia perfetta per quella specifica coppia, di scrivere il testo più emozionante e coinvolgente e di condurre il rito in modo efficace e rassicurante per le famiglie.

Cosa devi fare se sogni un matrimonio all’americana?

Prima di tutto allontana le false credenze e le informazioni sbagliate che hai sentito in giro. Io ti ho spiegato come funziona e quali sono i pro e i contro delle varie scelte.
Fatto questo, ti invito a contattarmi, per scoprire insieme se e come posso aiutarti a conquistare la cerimonia nuziale che hai sempre desiderato.
Sarai ricontattata  in poco tempo, riceverai tutte le informazioni preliminari e potrai fissare un appuntamento con me per discutere dei dettagli del tuo meraviglioso matrimonio all’americana.

A presto

Claudia