Ok, ci siamo, le partecipazioni sono finalmente pronte, le buste sono lì belle e intonse davanti a te. È il momento del panico, perché il rischio di sbagliare pende sulla tua testa come una spada di Damocle. Come diamine si scrivono queste buste? Ecco qualche dritta per te.

1) Prima di tutto sulle buste si scrive a mano. Niente scherzi. Lo so che stavi già pensando di stamparti le etichette al pc, ma NO. Non si fa! Cattive etichette! Prendi la tua bella penna, e mettiti come ti devi mettere, con la giusta predisposizione d’animo. Scegli una stilografica, se vuoi dare un tocco più elegante alle buste (se vuoi farti un bel regalo ti consiglio questo modello Waterman) oppure un pennarello colorato a punta fine se vuoi dare un tocco moderno e easy (come questi della Stabilo).

2) Hai una scrittura orribile? Assumi un calligrafo o schiavizza un’amica con una bella grafia, ma niente etichette. L’ho già detto “niente etichette”?

3) Quando si tratta di scrivere le partecipazioni sono tutti gentilissimi. Sì anche la zia Adelina, con tutta la sua acidità e prosopopea. Gentilissima, Gentilissimo, Gentilissimi (meglio in forma intera che abbreviata) sono la formula che devi usare prima dei nomi dei tuoi invitati, antipatici e non.

4)Quello che NON devi usare sono i titoli accademici tipo dott. prof. ecc Tornano tutti ad essere senza arte né parte (a meno che, dice il galateo, non siano militari in carriera o nobili)

5)Devi usare il testo scritto sulla busta come indicazione per i tuoi invitati, leggendolo devono capire chi stai invitando.

Ad es.

Gentilissimo Felice Passacantando* e Famiglia | Gentilissima Famiglia Passacantando | Gentilissima Famiglia Felice Passacantando sono tutti corretti e indicano che stai invitando tutta la famiglia, compresa la moglie Serena, il figlio Gaio, la figlia Allegra e il cane DoReMi.

Gentilissimi Felice e Serena Passacantando | Gentilissimo Felice Passacantando e Signora | Gentilissimi Felice Passacantando e Serena Parlapiano indicano che stai invitando solo i due genitori; i figli e il cane se ne stanno a casa.

Gentilissimo Felice Passacantando significa ovviamente che stai invitando solo lui, tutti gli altri… si attaccano.

6) Le partecipazioni vanno inviate in base ai nuclei familiari reali o in fieri. Quindi se due amici fidanzati convivono puoi mandare una sola busta con i due nomi, altrimenti devi mandare due inviti, uno a casa di lui e uno a casa di lei (spesso questa soluzione non è praticata e si usa scrivere comunque i due nomi su una busta e consegnarla a uno dei due). Se il figlio/a è adulto e vive in una casa diversa da quella dei genitori devi inviare una partecipazione ai genitori e una al figlio/a. Se il figlio/a è adulto, fidanzato e vive con i genitori, devi mandare nella stessa casa due inviti, uno per i genitori, l’altro per il figlio/a (questo invito può valere anche per la fidanzata/o se non la conoscete).

7) Se stai invitando una signora divorziata con i figli scriverai il cognome da nubile di lei e il cognome dei figli: Gentilissimi Serena Parlapiano, Gaio e Allegra Passacantando

8) Fatti una lista con tutti i nomi, cognomi e indirizzi. Non andare nel panico se ti accorgi di non conoscere il cognome di qualche fidanzata/o, chiedi con discrezione a qualcuno che lo sa oppure, in casi estremi, ovvia scrivendo al fidanzato/a che conosci meglio e aggiungendo il nome semplice dell’altro: Gentilissimi Gaio Passacantando e Letizia.

9) E i nomi o nomignoli o i titoli familiari da scrivere sulle partecipazioni consegnate a mano? Tipo zio Dodò, nonna Giusy, Lilly e Bobo? Le partecipazioni sono degli inviti formali e andrebbero evitati nomiglioli, diminutivi e simili, ma se siete entrambi giovani e hai scelto un matrimonio easy, magari una cerimonia a piedi nudi sulla spiaggia, una grigliata in giardino o un semplice buffet puoi anche fare uno strappo alla regola. Io però non ti ho detto niente, intese? 😉

10) Per quanto riguarda gli indirizzi scrivi tutto per esteso, quindi Piazza Dante Alighieri e non P.zza D. Alighieri. Vedrai che alla fine avrai fatto anche un po’ di ginnastica alla mano.

Allora, tutto chiaro? Ti gira la testa? A me un po’.

In ogni caso poco importa che le partecipazioni siano scritte correttamente se poi il loro contenuto è banale, anonimo, inappropriato al tema del matrimonio, al suo contesto o alla sua atmosfera. Il galateo è importante, ma anche l’occhio vuole la sua parte! Ti consiglio di mettere molta cura nello scegliere il progetto grafico del tuo matrimonio, perché le partecipazioni sono un biglietto da visita fondamentale.

Coraggio dunque, scegli delle partecipazioni personalizzate e uniche e inizia a scrivere gli indirizzi e i nomi sulle buste!


Hai paura di aver commesso qualche errore madornale nella creazione delle tue partecipazioni?

[Vuoi conoscere quali sono le regole che puoi infrangere e quali quelle che invece DEVI rispettare?]

Scarica il mio vademecum: DOs and DON’Ts delle partecipazioni di nozze.

Un aiuto rapido per tenere sempre sotto mano cosa fare e cosa NON fare per avere delle partecipazioni impeccabili, (al costo simbolico di 1€).

Trovi la guida QUI

Oppure, se ritieni che il tuo caso sia unico, richiedi una consulenza personalizzata. Scarica qui il mio listino con tutti i servizi e i costi

 


Un abbraccio e alla prossima!

♥♥♥Claudia

[la tua amichevole wedding planner di quartiere]

*Che c’è? Mi ero stancata del solito Mario Rossi

foto weddingsee